News

Under 14 Bronze: Hikkaduwa-Pavia 48-41

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2018-01-28 18:06:00

 

Campionato Under 14 FIP Bronze – 3° giornata andata

Hikkaduwa Urania Milano – Longobardos Pavia 48 - 41 (29-20)

 

Hikkaduwa: Panara, Gorla 2, Roth 2, Pirrone 10, Chitti 2, Romano 4, Latorre 13, Cremascoli, Borsatti 2, Solimeno 8, Ghioni 2, Carlozzo 3. All. Montefusco.

Longobardos Pavia: Zaina 2, Cursano 5, Landini 4, Paravella, Bobe, Sanciu 2, Fontanella, Invernizzi 8, Ricotti, Sciortino 3, Salerno 2, Belcore 15. All. Zagarese.

Parziale dei quarti: 18-8; 11-12; 7-8; 12-13

 

La terza partita di andata della fase Bronze del campionato Under 14 vede di fronte al Palaiseo, i padroni di casa Urania ai Longobardos Pavia. Ottima partenza come sempre dei giovani Wildcats che prendono di sorpresa gli avversari con la solita difesa aggressiva che genera palle recuperate, convertite immediatamente in facili canestri grazie a situazioni di campo aperto o sovrannumero. Il primo quarto dice 18-8 Urania che dà l’idea di prendere il sopravvento e di avere gioco facile questo pomeriggio.

Ma purtroppo sarà l’unico momento di buon livello della partita da parte dei biancorossi, nonché l’unico quarto dei quattro vinto dai padroni di casa. Infatti dal secondo quarto in poi si spegne la luce e si accende quella degli avversari, che grazie alla fisicità di alcuni suoi elementi, cominciano a macinare gioco e rosicchiare qualche punto. Canestri in contropiede e rimbalzi offensivi degli ospiti, alternati ad errori prodotti dalla scarsa cattiveria e da un agonismo praticamente nullo dei ragazzi targati Hikkaduwa, mandano le due squadre all’intervallo sul punteggio di 29 a 20.

La chiacchierata fatta in spogliatoio nell’intervallo, non genera nessun tipo di effetto alla ripresa del gioco. Rientra una squadra apatica e che fa trasparire quasi svogliatezza. La fortuna sta nel non pagare nessun dazio grazie anche agli avversari che giocano un quarto un po’ confusionario, non approfittando delle possibilità concesse per riaprire definitivamente la partita. In ogni caso si va alla terza sirena con i pavesi che recuperano un altro punto chiudendo sotto di 8 (36-28).

Anche nell’ultimo quarto i padroni di casa continuano a fare il minimo sindacale, tenendo la partita pericolosamente in bilico, con gli ospiti che a tratti sembrano credere nelle rimonta, mettendo un furore agonistico ben diverso dai propri rivali. Per fortuna non basta l’impegno profuso dai biancoazzurri e grazie esclusivamente alla distanza creata nel primo quarto, si impone la squadra di casa con il punteggio di 48 a 41. Non è la prima occasione in cui la squadra vive di rendita su che quello che ha accantonato nelle prima parte di gara. Se questa cattiva abitudine non verrà debellata presto, arriveranno occasioni in cui si pagheranno delle conseguenze, concedendo partite agli avversari e regalando punti importanti.


 

Prossimo turno: domenica 04/02 ore 14.30 in trasferta presso la palestra Cappelli e Sforza in Via Lampugnano, 80 a Milano, contro Polisportiva Garegnano 1976.