News

Under 15 Eccellenza: Hikkaduwa-EA7 Olimpia 69-85

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2018-02-27 09:23:00

 

Campionato Under 15 Eccellenza - recupero 6 giornata di ritorno

Hikkaduwa Urania Milano- EA7 Olimpia Milano 69–85 (39–42)

 

Urania: Brizzola 1; Strozzi 20; Bevivino; Calcagno 2; Cafeo; Granato 13; Petix 3; Ciccarelli 6; Cavallero; Romeo 24; Faccini 2; Youssef. All. Schiavi – Tartaglia

Olimpia: Cassano 4; Chiapparini 4; Restelli 3; Bonarrigo 2; Citterio 3; Boglio 5; Invernizzi 14; Mazzocchi 6; Raggi 6; Erba 13; Gravaghi 19; Maioli 5. All. Pampani - Rabbolini

 

Arbitri: Riccardo Spinello e Paolo Premazzi di Varese

Parziali dei quarti: 1° Quarto (19-18); 2° Quarto (20-24); 3° Quarto (21-20); 4° Quarto (9-23)

Statistiche Urania: Tiri da due 24/39; Tiri da tre 0/8; Tiri Liberi 21/31

Prossimo turno: sabato 3 marzo alle ore 17.30 presso il PalaIseo, si gioca con Leonessa Brescia

 

Nonostante la sconfitta finale è una bella serata e ci sono buonissime sensazioni dentro la gara giocata dal gruppo 2003 Wildcats contro la capolista, nonchè imbattuta EA7 Olimpia Milano, nel Campionato Under 15 Eccellenza.

Urania, con la giusta dose di determinazione e follia, indossa il vestito di gala e gioca alla pari per 35' senza far notare grandi differenze nella tecnica e nei sistemi, contro i primi della classe (per Milano 18 vinte 0 perse).

I primi minuti sono intensi, di qualità e, come per quasi tutta la gara, molto equilibrati. Olimpia prova a fare la voce grossa in fase offensiva mandando al ferro i propri talenti. Hikkaduwa risponde colpo su colpo con Strozzi e Granato a tracciare la strada ai compagni con iniziative super (19-18).

Anche nei secondi dieci minuti gli strappi provati dai giocatori Armani vengono tutti pareggiati dalla tanta voglia e dalle belle giocate dei Wildcats. Faccini manda al ferro Strozzi con un paio di bei back-door, Romeo è un fattore nei suoi 1c1 e l'energia del "lungo" Urania è ripagata da tante azioni vincenti. Gravaghi per l'Olimpia prova a ristabilire le gerarchie da oltre l'arco (2/2) ma Granato e Petix ridanno slancio all'inerzia Urania con le specialità della casa. Intervallo 39-42.

Dopo la pausa è ancora alta l'intensità e la voglia dei padroni di casa di giocarsela alla pari contro une delle pretendenti al Titolo Italiano di categoria. E così è. L'Olimpia prova ad alzare il livello delle proprie giocate ma c'è ancora energia in casa Hikkaduwa per pareggiare l'incontro. Il meno due della terza sirena (60-62) è tanta roba (solo) pensando alle differenze di qualche mese fa (7/02/17 Urania-Olimpia 33-80).

Anche l'inizio del quarto periodo è positivo per i padroni di casa che pur non trovando mai il fondo della retina da oltre l'arco (0/8) sono ancora li a graffiare. Gli ospiti però guadagnano centimetri soprattutto a rimbalzo e bastano due minuti di disitrazione per finire sotto di 8 e poi di 10.

Come si sa Olimpia quando prende il largo, si alimenta maggiormente nelle proprie certezze e così il canestro Urania diventa più largo per i tiratori EA7 che trovano il fondo della retina in un paio di occaisoni. Il finale è di marca ospite ma gli applausi sulla sirena sono meritati anche per il gruppo Urania capace di crescere nelle proprie peculiarità in modo esponenziale soprattutto nell'ultimo periodo.

Si torna in palestra con la consapevolezza di aver visto le differenze con i migliori. Alzare la propria qualità tecnica e fisica è obiettivo per crescere e divertirsi ancora maggiormemte e sabato arriva un'altra prima della classe, Leonessa Brescia.  

 

Video della partita: Clicca QUI

 

foto @lazzaaaaaa