News

Under 16 Eccellenza: Pol. Comense - Urania Milano 72-76

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2019-05-11 23:56:00

 

Campionato Under 16 Eccellenza - Semifinale Coppa Lombardia Young (andata)

Polisportiva Comense - Urania Milano 72-76 (38-37)

 

Comense: Raimondo, Besio, Sampietro, Turconi, Bernasconi 4, Arnaboldi 20, Ambrosetti, Baparapè 2, Lazzari 14, Trombetta 13, Gianoli 18, Gatti 2. All. Tagliabue

Urania: Valsecchi 11, Granato 17, Di Costanzo, Gaboli, Cavallero 18, Cantù, Faccini 2, Strozzi 13, Brizzola, Ciccarelli 7, Youssef 6. All. Schiavi - Rognoni

 

Parziale dei quarti: 19-17; 19-20; 17-16; 17-23

 

E' una Urania concreta e cinica quella che deve sudare le proverbiali sette camicie per avere la meglio di una mai doma Polisportica Comense. 

La gara è bella, equilibrata e avvincente. I padroni di casa hanno fisico e anche tecnica e quindi i primi dieci minuti sono un piacere per il basket giovanile. Le scorribande tutto campo della Comense fanno male alla difesa Wildcats, spesso disattenta. Granato apre le marcature per Milano con Cavallero che imita il compagno nelle giocate in avvicinamento. Al primo gong, partita vera e tanto equilibrio 19-17.

Nei secondi dieci minuti la qualità della gara sale ancora di più. I padroni di casa prendono fiducia e iniziano a bersagliare il canestro da oltre l'arco. Urania prima tiene botta e poi quando si disunisce anche in attacco pimba sotto di 11 con l'inerzia tutta della Comense (32-21 al 15'). Dopo il time out Wilcats, Milano torna a macinare il proprio gioco (bene). Il contro break è immediato e il canestro dall'arco sulla sirena dell'intervallo vale il meno 1 (38-37).

Dopo la pausa entrambe le squadre cercando di dare una spallata alla partita, ma ogni volta che qualcuno riesce a prendere un minimo di inerzia gli avversari giocano meglio e recuperano. Sono ancora tre le triple della Comense (alla fine 8) che danno slancio alla manovra dei padroni di casa. Urania alterna bene tiri dal perimetro e incursioni dentro l'area e al terzo gong è ancora tutto da decidere (55-53).

Gli ultimi dieci minuti sono ancora più belli. La Comense ci crede e le complicazioni nel computo dei falli per Milano regalano ancora più fiducia ai binaconeri in campo. Nella volata finale Urania deve rincorrere ancora sotto di quattro punti a due minuti dalla fine. Dopo un paio di magie di Cavallero, Strozzi trova due azioni con la moto depositando canestri importanti in velocità. La Comense subisce il colpo e perde lucidità nella manovra con Milano brava ad intercettare trovando contropiedi vincenti. E' Valsecchi a mettere il sigillo della lunetta per il più 4 finale.

Vincere era importante soprattutto viste le difficoltà della gara, dimostrando tanto cuore e cose belle nei momenti importanti. Ora a Milano (nella gara di ritorno di venerdì 17) è necessario arrivare pronti e carichi per giocare il meglio possibile, cercando di conquistare una ambita finale di categoria.    

 

Prossimo turno: la gara di ritorno con Comense (vale la differenza canestri in caso di 1 vittoria a testa) si gioca venerdì 17 maggio alle ore 19.45 al PalaIseo