News

Urania che poker! Una Super Flavor autoritaria annienta Faenza

Pubblicata in Serie A2 il 2019-03-31 20:48:00

Cala il poker la Super Flavor che compie un atto di forza a Faenza. Gara dominata dall’Urania che vola via nella ripresa trascinata da un super Simoncelli, solida partita collettiva della truppa di coach Davide Villa che cancella l’attacco della Rekico. Decisivo anche l’impatto di capitan Paleari, doppia doppia con 10 punti e 10 rimbalzi, Scanzi (16 con 4/7 da tre) e Perez, doppia doppia anche per l’ex Desio con 11 punti e 10 rimbalzi).

LA GARA
E’ subito clima da battaglia a Faenza, subito reattivi i Wildcats con due triple filate di Scanzi e Simoncelli ed un morbido appoggio mancino di capitan Paleari per lo 0-8. Ottimo anche l’approccio difensivo dei ragazzi di coach Davide Villa, Milano manca un paio di occasioni per il vantaggio in doppia cifra, si sblocca Faenza con Fumagalli ma è sempre più 8 Super Flavor dopo 4 minuti, 2-10. Simoncelli tenta di tenere alto ritmo, l’ex Omegna appare in gran forma, l’alto basso tra Eliantonio e Paleari è enciclopedico, 6-16. I padroni di casa faticano a trovare ritmo offensivo, Sgobba pesca la tripla del meno 9 alla prima sirena, 11-20. Più compassato l’andamento della gara in apertura di secondo periodo, più falli e tanti contatti in area colorata con i lunghi Urania che rispondono colpo su colpo ai pariruolo dei padroni di casa, 15-27 con un 2+1 di pura potenza di Piunti. Si accende la sfida, ed il pubblico di casa, per la schiacciata di Zampa, Negri a fari spenti tiene sempre a distanza i rivali, 18-29. Faenza prova il recupero rabbioso, qualche decisione arbitrale penalizza i Wildcats, il rientro di Simoncelli ridona energia e linfa vitale all’attacco milanese, 26-38 all’intervallo. Dopo la pausa lunga Super Flavor mortale in difesa e sinfonica in attacco, Scanzi e Simoncelli sparano il nuovo strappa Wildcats che mettono le mani sulla partita. KO tecnico timbrato proprio dalla tripla del play di Urania che toglie gli effetti sonori al PalaCattani, 43-73. Perde pezzi, e la testa, Faenza con Venucci fuori per falli irretito dalla sapienza cestistica di Paleari. Un paio di numeri da clinic del capitano e le bordate finali di Perez e Toffali valgono solo per le statistiche per il 53-81 finale.