News

Under 16 Eccellenza: Vanoli Cremona - Urania Milano 56-75

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2019-10-20 09:35:00

 

Campionato Under 16 Eccellenza - 6° giornata di andata

Vanoli Cremona - Urania Basket Milano 56-75 (26-43)

 

Vanoli Cremona: Gallo 15, Magarini 13, Secci 9, Erhaghewu 7, Russo A. 5, Risari 2, Assensi 2, Ragazzini 2, Cecchetti 1, Russo F., Tedeschi, Toninelli. All. Farioli

Urania Basket Milano: Gorlier 4, Manzoli 8, Sagher 4, Valsecchi 10, Villa, Youssef 5, Ghislandi 11, Ruoti 2, Calvio 1, Lanfranchi 13, Pezzola 17, Messina. All. Montefusco, Vice All. Cinquanta

 

Parziale dei quarti: 17-19; 9-24; 19-18; 11-14

 

Per raccontare la gara tra Vanoli Cremona e Urania Basket Milano, valida per il sesto turno del campionato U16 Eccellenza, non possiamo che partire dalla fine dell'incontro. Tutta l'Urania fa un grande in bocca al lupo a Federico, giovane atleta della Vanoli Cremona, vittima di un brutto infortunio sul finire del match. L'augurio da parte di tutti i Wildcats è di una pronta guarigione per rivederci presto sui campi per nuove sfide. 

 

La partita inizia con le difese assopite, con Vanoli saldamente guidata in regia dal nuovo acqusito Gallo e con Erhaghewu a fare la voce grossa con iniziative di energia in 1c1. Urania inizia trascinandosi per il campo e solo il contributo portato dalla panchina permette di accendere i motori e iniziare a giocare la partita in modo più serio.  Ghislandi con due scorribande delle sue al ferro e due triple della coppia Valsecchi/Pezzola (17 per lui alla fine) permettono di piazzare un primo mini break, prontamente rintuzzato da Gallo con 5 punti in fila e Secci per Vanoli (17-19).

 

Il secondo guardo vede i Wildcats imprimere quella che si rivelerà la sferzata decisiva, concedendo solo 9 punti e mettendone a referto 24.

Manzoli e Lanfranchi (MVP dell'incontro) alzano il livello dell'intensità, Pezzola con 11 punti del quarto scava il solco leggendo bene la difesa e alternando con sapienza il tiro da fuori con penetrazioni al ferro. La sensazione è di vedere finalmente una squadra matura, solida e consapevole dei propri mezzi che gioca imponendo la propria pallacanestro (26-43).

 

Dopo l'intervallo, nonostante le raccomandazioni dello staff, Urania inizialmente stacca mentalmente la spina e in due minuti combina disastri su disastri senza però pagare un prezzo tropo caro, se non l'aver dato la convizione a Vanoli di poter provare a giocare la partita. Dopo questa fase iniziale, le due squadre si sfidano a viso aperto con i padroni di casa autori di 4 triple (Gallo, Russo 2, Secci) e gli ospiti ancora spinti dall'energia di Lanfranchi, Ghislandi e Pezzola ricominciano a giocare in modo autorevole come nel quarto precedente riuscendo a mantenere un vantaggio in doppia cifra e soprattuto senza subire tecnicamente e mentalmente il pressing e l'agonismo di Vanoli (45-61).

 

Nell'ultimo quarto di gioco Urania mantiene saldamente in pugno il controllo della partita, gestendo il ritmo con intelligenza sopendo le restanti ambizioni di Cremona di poter ridurre lo svantaggio per tentare l'assalto finale.

La partita termina  con la vittoria meritara dei Wildcats autori di una prova convincente sul campo dove lo scorso anno lasciarono 2 punti pesantissimi.

 

Prossimo turno: lunedi 21 ottobre alle 18.45 sul parquet della Secondaria del Lido si gioca con Mortara.