News

Under 16 Eccellenza: Urania Milano-Vanoli Cremona 76-48

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2019-02-05 14:06:00

 

Campionato Under 16 Eccellenza - 4° giornata Coppa Young 

Urania Milano - Vanoli Cremona 76-48 (44-23)

 

Urania: Granato 12, Di Costanzo, Gaboli 4, Romeo 21, Cavallero 17, Cantù, Faccini 9, Strozzi 4, Brizzola 2, Cafeo 2, Ciccarelli 5. All: Merani - Sangiovanni

Cremona: Biondi 2, Cairo 2, Ferrari 2, Martini 3, Molo 2, Piermaria 4, Scaravonati 11, Sgarzi 6, Vezzoli 6, Zanotti 10. All: Mangone

 

Parziale dei quarti: 27-11; 17-12; 21-10; 11-15

 

Quarta giornata della Coppa Young Lombardia, ospite la Vanoli Cremona in quel del PalaIseo dove i ragazzi del 2003, guidati nell'occasione dalla sapiente accoppiata Christian Merani e Max Sangiovanni, scendono in campo con il coltello tra i denti! Il primo quarto è da incorniciare, Cremona viene travolta dalla straripante energia dei ragazzi in maglia Wildcats su tutti i lati del campo e la bomba di Ciccarelli segna il primo strappo Urania sul 15-4 costringendo Cremona al primo timeout della partita. La solfa però non cambia, anzi, Urania spinge ancora di più sull'acceleratore e nonostante un paio di distrazioni che consentono a due tagli dal lato debole di realizzare un paio di facili canestri e qualche tiro da sotto sbagliato di troppo, il primo quarto si chiude sul 27 a 11 per i padroni di casa con protagonista Alessandro Romeo, autore di ben 12 punti nel solo primo quarto e di una padronanza dei rimbalzi che permette ad Urania di gestire ottimamente la transizione offensiva.

Il secondo quarto prosegue sui binari del primo con i Wildcats che vedono diverse rotazioni mettendo in campo tutti e 11 i giocatori a disposizione, i quali a loro volta danno un enorme contributo, sia difensivo che offensivo. Infatti chi entra dalla panchina è subito caldo e concentrato ed i risultati si vedono grazie ad una moltitudine di palloni recuperati pressando a tutto campo e nonostante il fatturato dei punti realizzati cali leggermente, la qualità degli attacchi rimane comunque molto alta. Dal canto suo Cremona riesce a reagire e a prendere le misure in difesa, ma il gioco corale ed il costante movimento di palla atto a trovare sempre il giocatore più libero possibile rende la vita difficile ai ragazzi in maglia Vanoli che tutto sommato si prodigano per cercare di rendere il parziale il meno pesante possibile.

L'intervallo si chiude sul 44 a 23 per i padroni di casa e sarebbe lecito aspettarsi un calo visto il gioco espresso nella prima metà di gara. Invece è l'esatto opposto, perchè Urania rientra con ancora più aggressività ed energia di quanto fatto precedentemente ed il continuo pressare a tutto campo, seppur non frutti più l'alto numero di palle recuperate come nei primi 20', rende la vita difficile a Cremona rallentandone la manovra offensiva e togliendole l'energia necessaria. Stavolta, oltre all'incredibile cattiveria agonistica, alla difesa Urania si aggiungono anche delle ottime rotazioni difensive che permettono di non subire mai facili canestri, ma anzi, costringendo l'attacco cremonese ad un paio di infrazioni di 24 secondi. I conseguenti contropiedi sono solo il risultato del grande lavoro difensivo oltre alle ottime letture sul pick 'n roll dei portatori di palla che servono degli splendidi assist ai giocatori che rollano in profondità, oppure concludono ottimamente con un arresto e tiro trovando solo la retina.

Il quarto quarto vede Urania gestire il vantaggio, non sono le energie fisiche a terminare, ma quelle mentali ed è comprensibile lasciarsi andare una volta toccato il +30, con Cremona che non smette di giocare la propria ottima pallacanestro riuscendo a colpire da ogni distanza, anche sulla sirena finale per il 76-48 conclusivo.

I Wildcats del 2003 possono festeggiare così vittoria, primato in classifica e a loro volta fanno un grande regalo a coach Andrea Schiavi per la nascita della piccola Celeste. Bravi ragazzi e avanti così!

 

Prossimo turno: sabato 9 febbraio alle ore 18.15 presso la tensostruttura di Via Manzoni, si gioca con San Pio Mantova