News

Un Mercoledì da Wildcats

Pubblicata in Serie B il 2019-01-30 14:30:00

Inconsueto turno infrasettimanale, che propone il “classico” dei derby lombardi tra Milano e Lecco.

Mille battaglie in diverse categorie (B e CGold), hanno contraddistinto le sfide tra le due formazioni, che in alternanza hanno raggiunto il successo finale. Proprio il 2 maggio 2018, sul parquet del Pala Bione, Super Flavor staccava il pass per il secondo turno dei playoff.

Il match di andata, anch’esso di mercoledì, ha visto il successo di Urania per 72-65. Non ebbero vita facile i ragazzi di Coach Villa, che dopo aver avuto in più occasioni il vantaggio in doppia cifra, subirono la rimonta di Lecco. Finale da brivido con la Gimar che sbaglia in due occasioni la tripla del meno uno, prontamente respinta dai viaggi in lunetta dei milanesi.

Lecco a sole due lunghezze di distanza da Milano in classifica, con un record di 10V 8P, con 4 successi e 5 sconfitte lontano dalla riva del lago.

A sorpresa, dopo il successo interno con la capolista Cesena (70-66), la dirigenza Lecchese ha esonerato Coach Paternoster, affidando per il momento la squadra al vice Paolo Gandini, fratello dell’ex-Urania Marco, attuale assistente in A2 a Verona.

La guida in campo è affidata al playmaker classe ’92 Michael Teghini. Trieste (DNA) e Barcellona Pozzo di Gotto (Serie B), il percorso del mancino regista triestino, che della Gimar è il top-scorer con 11.6ppg in 30’ con il 53% da 2P e 3.6 assist.

Il ruolo di guardia è ricoperto da Federico Di Prampero (’95). Esterno di 188cm, ha vestito le maglie di Casale, Agropoli e Rieti in Legadue, ma lo ricordiamo avversario di Urania con Pordenone. L’ultima stagione a Salerno con Coach Paternoster. 9.8 ppg in 31’ con il 44% da 2P e 2.9 assist.

Superstite della rinnovata Lecco 2019 è Alberto Cacace. L’esterno classe ’96 di 198cm, nonostante la sua giovane età, ha all’attivo esperienze di prestigio a Siena (A2), Ferrara (A2), Roma e Porto S.Elpidio in serie B. Grande atletismo le sua caratteristica principale. 9.4ppg in 28’ con il 53% da 2P e 7.3 rimbalzi.

Juan Manuel Caceres è l’ala grande lecchese. L’esperto giocatore argentino classe ’84 ha all’attivo tantissime presenze in serie B. In arrivo da Roma, sponda Stella Azzurra, quest’anno viaggia a 8.6ppg in 25’ con il 46% da 2P a cui aggiunge 4.2 rimbalzi.

Il pivot titolare è Luigi Brunetti (’88). I suoi 205cm, ma soprattutto le ottime mani, ne fanno il prototipo del pivot moderno. Ama infatti aprirsi per tirare dall’arco, ma all’occorrenza è in grado di dare profondità nel pick&roll. 8.8ppg in 25’. con il 78% da 2P, con 5.9 rimbalzi.

Mattia Molteni (’96) scuola Cantù, l’ultimo anno a Crema, è il play che esce dalla panchina. 5.2ppg in 16’ le sue cifre. All’occorrenza anche il giovanissimo Matteo Favalessa (’99), al suo primo anno in serie B, può vestire la maglia del regista. 6’ la sua presenza sul parquet.

Nelle rotazioni degli esterni c’è la guardia/ala Riccardo Chinellato (2000). 5.4ppg in 14’ con il 40% da 3P.

Inserito in corso d’opera, Roberto Marinello. La guardia classe ’91 in arrivo dalla B di Capo d’Orlando, segna 8.9ppg in 18’ e 2 assist.

Dalla panchina, ma all’occorrenza anche in staring-five, l’ala grande Luca Rattalino (’97), lungo di 205cm, con alle spalle già tre anni di Legadue a Casale e  Biella. 8.1ppg in 19’, con il 58% da 2P e il 50% da 3P e 5.2 rimbalzi.

 

Chiude il roster il giovane Andrea Ratti (PM ’99).

 

Palla a due ore 20:00, con telecronaca integrale su #direttaurania dalla pagina Facebook di Urania Basket, con la voce di Marco Junior Papetta e Carlo Wikipedia Rimoldi

Sempre su #direttaurania interviste con i protagonisti nel pre e post-partita.

 

 

Guido Papetta

Ufficio Stampa Super Flavor Urania Milano