News

Ancora il Finale a Negare la Vittoria

Pubblicata in Serie B il 2018-05-16 23:39:00

Termina ancora senza successo per Super Flavor, la seconda partita di semi-finale, che premia la Bakery Piacenza, che guida ora il confronto per 2-0.

Il risultato finale di 86-75, condanna più del dovuto Urania, che a 1’35” dalla sirena finale, era ancora ad un solo possesso di svantaggio (78-75).

Per Milano diventa imperativo vincere venerdì nel match casalingo, per tener vive le speranze di continuare la serie al meglio delle cinque.

Onore ai padroni di casa, che impongono un ritmo esasperato e una determinazione più continua, rispetto ai Wildcats, a tratti troppo permessivi sul lato difensivo.

Milano, scottata dall’avvio dirompente di gara#1 dei padroni di casa, entra immediatamente nel match, con cinque consecutivi di Negri (8pti, 2/2 3P), a cui rispondono immediatamente Perego e la schiacciata di Guaccio.

Eliantonio scalda la mano dalla lunga distanza (15pti 2/2), ma è Maggio con sei a fila (rubata dalla rimessa) ad infuocare il Pala Franzanti ancora sold-out. Urania però è viva e Paleari subisce il fallo di Pederzini, che lo manda in lunetta per un 2/2 (10-9). Due triple di Bruno e Maggio, danno il massimo vantaggio a Piacenza (16-9) frutto del 6-0 dei due esterni biancorossi. Laudoni (14pti, 5/9 2P) imbeccato dal lob di Santolamazza ed il libero di Eliantonio (15pti, 4/4 2P, 2/3 3P), chiudono il parziale e mandano segnali che Urania c’è e vuole giocarsela fino in fondo. Sarà il gioco corale, marchio di fabbrica milanese a trovare il vantaggio, prima della sirena del 10’, con il Professore (13 pti, 4/8 2P), Sergio (11pti, 3/4 3P) ed il Capitano a fissare sul 18-20 il primo quarto.

I secondi dieci, sono il periodo degli “strappi”, con le due formazioni ad infliggere piccoli break per il tentativo di fuga, sempre però restituiti al mittente. Dopo il canestro di Laudoni, ad aprire il periodo è la Bakery a dare la prima accelerata, con l’8-0 firmato da Stanic e Pederzini (26-22), che dopo la nuova risposta di Laudoni, ritrova proprio nell’ala piacentina il faro del momento con altri quattro, che danno ai padroni di casa il massimo vantaggio sul 33-25.

Urania non vuole mollare e con Paleari, Eliantonio e Laudoni, ritorna fino a due possessi di svantaggio, sulla sirena dell’intervallo lungo (38-34).

Al rientro dagli spogliatoi, per la terza volta nella serata è di Super Flavor il canestro d’apertura periodo, con il Professore pronto a sfruttare l’assist del Tedesco di Terni (38-36).

Il botta e risposta nelle triple, con Laudoni a rispondere alla quarta della serata di Maggio, è il marchio DOC di una partita bellissima, interpretata da entrambe le formazioni, che offrono uno spettacolo stupendo, per gli amanti della palla a spicchi.

Al minuto 23’, inizia la sfida nelle partita, tra Perego (19pti, 9/11 2P) e la difesa milanese, che non trova l’antidoto per contrastare il gioco studiato per il lungo ex-Orzinuovi, che la punisce quattro volte consecutive dall’angolo, dando nuovamente ai biancorossi, il massimo vantaggio (55-46).

I Wildcats però, confermando il detto che li vuole con sette vite, reagiscono con le triple di Eliantonio e Negri e con il Capitano, che prima segna due liberi e poi realizza appoggiando al vetro, un diamante lucente regalato dall’assist incredibile del Professore, che riporta Urania ad una sola lunghezza di distanza; 57-56 al 30’

L’ultimo periodo conferma la vena serale dalla lunga distanza delle squadre (10/24 PC, 9/19 MI) e dopo il canestro di Perego a cui risponde Santolamazza, è Sergio che iscrive al contest delle triple, dando ad Urania il nuovo vantaggio (59-61), che non avveniva dal 12’.

Milano ci crede e vuole andare fino in fondo e lo dimostra il recupero del Professore, che intercetta un passaggio di Maggio e realizza la tripla per il massimo vantaggio del match (60-65) al 32’.

Poi l’episodio dubbio. Pederzini subisce il contatto di Eliantonio, al quale viene fischiato fallo e nel secondo successivo “antisportivo”, reo di aver spinto il giocatore avversario a gioco fermo. L’ala piacentina realizza i due liberi, accorciando sul -3.

Dopo la tripla di Stanic per il pareggio, è ancora Biagio a dare tre lunghezze di vantaggio con un missile da oltre la linea dei 6.75 (65-68).

La partita è avvincente, con Piacenza che impatta sul 70, con l’argentino Santiago Bruno in gas.

Il nuovo antisportivo fischiato a Ferrarese, su una presunta (inesistente) spinta a Stanic, regala il nuovo sorpasso Bakery e toglie certezze a Milano, che prova a rimanere nel match, fino a 1’35” con il 2+1 di Paleari per il 78-75, ma subisce poi, la fiducia dei padroni di casa, che riescono a chiudere il match con un 8-0 di parziale, frutto del fallo sistematico di Urania, che li manda sempre in lunetta.

 

Sarà una vera partita a scacchi, quella di gara #3, dove Coach Villa, avrà il compito di trovare la fiducia e l’intensità giusta dei suoi ragazzi, per ribaltare una serie, che ci ha visto protagonisti in entrambe le uscite piacentine.

 

Guido Papetta

Ufficio Stampa Super Flavor Urania Milano

 

Bakery Piacenza        86/

Super Flavor Milano  75

(18-20, 20-14, 19-22, 29-19)

Bakery Piacenza: Maggio 12 (0/3, 4/8), Bruno 13 (1/3, 3/8), Pederzini 17 (6/9, 1/2), Guaccio 2 (1/1, 0/1), Perego 19 (9/11, 0/0), Birindelli 10 (5/7, 0/0), Stanic 10 (2/3, 1/2), Liberati 3 (0/2, 1/3), Bracchi 0 (0/0, 0/0), Galli 0 (0/0, 0/0), Libè 0 (0/0, 0/0), Guerra 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 8 / 10 - Rimbalzi: 29 5 + 24 (Perego 9) - Assist: 26 (Pederzini 7)

Super Flavor Milano: Santolamazza 13 (4/8, 1/4), Scroccaro 0 (0/0, 0/0), Negri 8 (1/4, 2/2), Eliantonio 15 (4/4, 2/3), Paleari 14 (4/9, 0/1), Laudoni 14 (5/9, 1/4), Sergio 11 (0/1, 3/4), Ferrarese 0 (0/2, 0/1), Albique 0 (0/0, 0/0), Sedazzari 0 (0/0, 0/0), Orenze 0 (0/0, 0/0), Giorgetti 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 12 / 16 - Rimbalzi: 27 4 + 23 (Paleari 9) - Assist: 22 (Santolamazza 9)