News

Under 16 Eccellenza: Urania Milano-Leonessa Brescia 67-80

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2018-12-17 00:00:00

 

Campionato Under 16 Eccellenza - 6° giornata di ritorno (1° fase)

Urania Milano - Leonessa Brescia 67-80 (36-42)

 

Urania: Valsecchi 8, Granato, Di Costanzo, Nardella 9, Romeo 6, Cavallero 19, Cantù 3, Faccini 15, Strozzi 7, Brizzola, Cafeo, Ciccarelli. All. Schiavi - Rognoni

Brescia: Botti 2, Iovescu 6, Valli 4, Ghirlanda, Corona 9, Giudici 8, Villa, Buizza, Ballini F. 2, Ballini A., Naoni 24, Rodella 20. All. Di Meglio - Alberti

 

Parziale dei quarti: 15-23; 21-19; 13-17; 18-21

 

Una buona Urania 2003 gioca per larghi tratti del match alla pari contro la capolista del girone B Under 16 Eccellenza, nonchè quarti in Italia nella passata stagione, leonessa Brescia e questa è la buona notizia.

Quella meno buona è che manca sempre qualcosa per Milano per trasformarsi una volta per tutte da crisalide a farfalla da brutto anatroccolo a cigno, da buona squadra a ottima squadra. Peccato perchè anche la partita con Brescia ha dimostrato (ancora una volta) che basterebbe veramente poco per essere molto meglio di quello che in realtà risulta e risulterà dagli annali dei risultati della stagione.

L'inizio è quasi tutto di marca ospite. Brescia arriva al ferro con una facilità disarmante e i tanti terzi tempi regalano punteggio, inerzia e tanta fiducia alla squadra ospite. Finalmente prima del gong della prima decina, Nardella, Cavallero e una tripla di Cantù fanno tornare la gara avvincente (15-23 al 10').

Nei secondi dieci minuti sono Faccini e Strozzi a tracciare la via per un recupero che appare immediato dei Wildcats. Brescia non trovando più le facili penetrazioni, inizia pure a sbagliare qualcosa. Rimane da risolvere il rebus Naoni che si erge protagonista di tante belle giocate d'autore senza appelllo per la difesa. Alla pausa comunque Urania c'è (36-42).

Come preventivabile l'intervallo regala beneficio solo agli ospiti con i padroni di casa che partono molto male (0-6) e non riescono a dare slancio al proprio potenziale offensivo sbagliando ancora tante occasioni facili. Il parziale è 13 a 17 con Brescia in vantaggio alla terza sirena 59-49.

Urania ha le risorse per provarci fino alla fine e con la giusta mentalità e qualche errore in meno riesce pure ad impensierire la capolista. Si arriva così a tre minuti dalla fine sotto di sei con la palla in mano e con un paio di tiri aperti respinti dal ferro del Palaiseo.

Come capita (ormai) spesso l'ennesimo canestro a un secondo dalla fine dei 24 (di Rodella) subito dai Wildcats, manda al tappeto la truppa biancorossa che nel finale si disunisce allargando la forbice dello scarto nel punteggio, anche troppo per quello che poteva meritare.

Tra gli applausi per tutti, vince Brescia che si mantiene al comando. Per Urania la consapevolezza che solo una convinzione più decisa potrà dare la trasformazione definitiva verso un futuro ancora migliore.    

 

Prossimo turno: giovedì 21 dicembre alle ore 21.15 in Via Parma, si gioca con ABA Legnano