News

Rubrica: Capitano o mio Capitano: Lorenzo Cirenei

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2018-02-02 10:46:00

 

Prosegue la pubblicazione delle interviste/articoli per quanto riguarda i capitani dei vari gruppi del Settore Giovanile Urania. Dopo aver letto Morgan del 2002, Nick del 2003 e Edoardo del 2004, oggi conosciamo meglio Lorenzo (classe 2002) capitano della squadra Under 16 Regionale.

 

Mi chiamo Lorenzo Cirenei

sono nato nel 2002

e gioco in Urania da 8 anni e quest'anno faccio parte del gruppo Under 16 Regionale

 

A dire la verità non c’è un motivo razionale perchè gioco a basket da così tanto tempo. Una cosa ti piace quando ti fa stare bene e capisci che è diventata una passione quando non riesci a stare senza. Ecco con la pallacanestro è così per me. Mi piace giocare e non riuscirei a farne a meno.

 

Sono il capitano della squadra perché sono stato scelto dai miei compagni e io ci tengo a dare il massimo per supportare la mia squadra.

 

In questa prima parte di stagione le prestazioni sportive del gruppo hanno avuto alti e bassi, soprattutto all’inizio. Penso però che in questa annata ognuno di noi stia migliorando, e che nel complesso si stia creando un forte spirito di squadra, in quanto ci stiamo conoscendo sempre meglio e stiamo diventando un gruppo unito, anche grazie alle iniziative dei coach Carella e Brizzola che hanno favorito l’affiatamento della squadra.
Naturalmente il lavoro da fare è ancora molto per alzare il livello e migliorare sempre di più.

 

Non mi viene in mente un episodio divertente in particolare, ma sicuramente ci sono stati molti momenti speciali, soprattutto durante i tornei.

 

L'obiettivo agonistico è quello di cercare il miglior piazzamento nei due Campionati a cui prendiamo parte. Nel frattempo (con impegno) cerchiamo di miglorare tecnica, mentalità e fisicità per rimanere al passo della categoria.

 

Vorrei salutare Federico Marino, che nonostante sia infortunato è sempre vicino alla squadra, e gli auguro di superare brillantemente il suo problema fisico e di tornare presto a giocare.