News

Urania occasione persa, Imola beffa con Masciadri i Wildcats, 77-76

Pubblicata in Serie A2 il 2019-11-24 19:51:00

Avvio equilibrato con Imola che cerca con insistenza Morse, la risposta immediata di un Montano on fire, 6-7. Il primo mini break della sfida è dell’Andrea Costa, sempre Morse protagonista ben spalleggiato da Fultz e Bowers, canestro dell’ex casertano per il 18-12. Milano con pazienza ricuce , 2 punti in avvicinamento di Lynch, ma è ancora Bowers a far male dal perimentro, 21-16. Coach Davide Villa chiede aiuto all’energia di Bianchi, l’ex Legnano risponde presente e con Raivio tiene a contatto l’Urania alla prima sirena, 24-22. Faticano in area colorata i Wildcats con la coppia Ingrosso-Morse che si fa largo, 34-28. Milano c’è e trova l’ottimo impatto di Negri nel parziale che riporta sotto gli ospiti, 34-33. Sale di tono anche la difesa milanese, un enciclopedico palleggio-arresto-tiro di Ravio riporta i Wildcats avanti, 39-40 all’intervallo. Dopo la pausa lunga ancora Urania in avanti, regge il muro Wildcats che provano a scappare dopo i due liberi di Benevelli, 41-48. Morse e Bowers provano a dare la carica ma Milano sembra pronta per il nuovo parziale, Lynch artiglia palloni importanti in vernice e timbra il primo margine in doppia cifra, 43-54. Una tripla di Masciadri aziona la rimonta de la Naturelle che resta a meno 7 alla penultima sirena, 52-59. E' clima da battaglia in cui non arretrano due gladiatori come Pagani e Piunti, 56-66 del centro marchigiano. Imola si aggrappa a Morse mentre si infiamma il pubblico biancorosso, Fultz colpisce ma un gelido Piunti replica dall'arco, 59-69. I padroni di casa hanno ancora energia per rientrare in corsa, fatica l'Urania a ritrovare armonie offensive, la tripla di Bowers riapre completamente la sfida, 68.71. Ancora Masciadri e Morse mettono paura a Raivio e compagni, del centro statunitense la schiacciata del meno 1,73-74. Finiscono le munizioni di Milano, da un fallo di frustrazione di Montano arriva il sorpasso dalla lunetta di Fultz, 75-74.un sussulto di Lynch illude l'Urania che spreca il match point con Sabatini, è ancora Masciadri a colpire al cuore i Wildcats con il canestro della vittoria,77-76.