News

Andrea Schiavi racconta del gruppo Under 15 Eccellenza

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2017-12-31 00:05:00

 

Ciao Andrea, siamo ormai giunti a metà della stagione sportiva 2017-2018. Ci fai un breve riassunto di quanto fatto e vissuto in questa prima parte dell’anno con la squadra Under 15 Eccellenza? Con i ragazzi del 2003 stiamo facendo un percorso di crescita e miglioramento davvero interessante. La voglia e qualità di un gruppo che ha voglia di faticare in palestra, sta generando indubbiamente tante cose positive. L’ottava posizione in classifica, con sei vittorie nel Campionato d’eccellenza è un dato oggettivo che rende merito all’attitudine di questa squadra. I risultati non sono tutto nella vita, ma vincere contro Società come Desio, Bluorobica e Pall. Varese, (con cui nel passato abbiamo sempre perso) pone in evidenza i tanti aspetti positivi della stagione.   

 

C’è stato un momento particolare di questo inizio stagione, un episodio, un fatto, un evento... che ritieni importante per il gruppo e per il miglioramento dei ragazzi che alleni? E’ una sconfitta uno dei momenti topici di tutto quello che vi sto raccontando. Dopo la gara persa malamente a Mantova dopo over time e la bella vittoria con Cremona, ad inizio Novembre la sfida con la capolista Armani ci ha dato tanta sicurezza in più. A contrario di quanto successo nelle passate stagioni, la partita con l’Olimpia ad Assago è stata affrontata con la giusta determinazione. Per la prima volta in assoluto tutti abbiamo cercato di dare qualcosa in più per sopperire alle evidenti differenze fisiche e tecniche. Il meno due alla prima sirena e il meno nove all’intervallo, per noi significavano giocare alla pari contro i più forti. Una bella sensazione che abbiamo fotografato e memorizzato. Tutto questo ha poi generato, nella settimana successiva, la vittoria contro Desio (82-78). La migliore prestazione dell’anno, mettendo in campo, cuore, tecnica, tattica e tanti attributi.  

 

Ci puoi descrivere nei prossimi mesi di attività quali sono gli obiettivi per il gruppo che alleni e in che modo vorresti che i ragazzi assecondassero questo percorso?? Essendo entrati nella classe dei più bravi da ripetenti (ammissione all’eccellenza tramite wild card) ma dimostrando sul campo che quella ammissione la meritavamo per l’impegno e la tenacia messa in campo, abbiamo davanti a noi una bella opportunità. Se la qualità dei nostri allenamenti salirà ancora di più di tono, eliminando errori di concentrazione e diventando maturi sul serio tutti quanti, cercando di coinvolgere meglio chi magari fa più fatica a seguire il gruppo di testa, allora potremo davvero sorridere essendo felici di dare tutto. E’ tutto nelle nostre mani e nella nostra voglia di diventare bravi davvero a giocare a basket. Pensare che dopo la pausa dalle vacanze giocheremo a Cantù per cercare di inanellare la quarta vittoria di fila è già un grande traguardo. Non succede, ma se dovesse succedere...