News

Under 15 Uisp: Urania Milano - Virtus Meda 78-69

Pubblicata in Settore Giovanile - Minibasket il 2019-03-11 23:45:00

 

Campionato Under 15 UISP Gold - 3° giornata di andata

Urania Milano - Virtus Meda 78-69 (37-36)

 

Urania: Chitti 7, Dell'Acqua 13, Vigna 15, Norelli 8, Roth 2, Sperindio 8, Gorla, Carlozzo 3, Brambilla 12, Cremascoli 2, Ghioni 8. All. Merani - Montefusco

Meda: Bardelli, Iavarone, Pansecchi, Tagliabue 4, Landoni 13, Diema 2, Colombo 21, Ghioni 6, Abbiati, Verderio 10, Allievi 16, Fusi. All. De Gasperi

 

Parziale dei quarti: 23-20; 14-16; 18-16; 21-17

 

Partita divertente nella secondaria del Lido tra i 2005 Urania (a cui si aggiunge Gabriele Brambilla del 2006) e i 2004 di Virtus Meda. Il primo quarto vede un punteggio parecchio elevato con entrambe le squadre che pressano sin dal primo minuto a tutto campo con molti raddoppi che fruttano diverse palle recuperate e finalizzate con rapidissimi contropiedi, Urania gioca bene di squadra trovando spesso giocatori liberi dall'arco e dalla media e sfruttando un'ottima circolazione di palla riesce a trovare molti canestri con tiri senza contrasto, d'altro canto Meda sfrutta molti tagli dal lato debole e soprattutto si tiene in partita grazie ad una elevata percentuale al tiro dalla linea della carità (ben 10 tiri liberi realizzati all'intervallo contro i 4 dei padroni di casa).

Il secondo quarto vede un lieve calo di ritmo e le percentuali di realizzazione ne risentono da entrambe le parti e mentre per la squadra di casa entra in gioco il giovanissimo e imprendibile Brambilla con 10 punti a segno, Virtus Meda si affida di più alla maggiore fisicità sotto canestro per restare a contatto e terminare quindi la prima metà di gioco con un solo punto di svantaggio con i giochi quindi totalmente aperti.

 

La seconda metà vede Urania alzare l'asticella e toccare subito il +10 di vantaggio grazie alla ritrovata pressione a tutto campo vista nel primo quarto, strappo che Meda ricuce subito rientrando ad un possesso di vantaggio sfruttando le proprie caratteristiche migliori. I Wildcats però riescono con personalità a ributtare indietro i mai domi avversari grazie ad un ottimo e fluido gioco di squadra che permette di raggiungere il massimo vantaggio di +13 amministrato fino ai minuti finali dove Meda riesce a rientrare sotto la doppia cifra di svantaggio e chiudere la partita di soli 9 punti di differenza (78-69 finale).