News

Urania Halloween è un incubo, Ozzano passa al PalaIseo

Pubblicata in Serie B il 2018-11-03 23:07:00

Brutta sconfitta interna per l'Urania che cede nella ripresa contro Ozzano. Gara da dimenticare per i Wildcats che, a parte un lampo di Santolamazza e Paleari, affondano nel quarto periodo colpiti prima da Dordei e poi dalle triple di Ranocchi che timbra la fuga definitiva. Poca energia, superficialità e mancanza di concentrazione tra le cause di una sconfitta che farà riflettere la Super Flavor.

INIZIO SHOCK
Partenza shock per la Super Flavor, troppe palle perse ed approccio morbido che costa un 7-0 in avvio. Dordei ed Agusto fanno male in area colorata ma sono gli anticipi dei “piccoli” a generare transizioni comode, 3-10. Si sblocca Piunti che mette cinque punti filati, coach Davide Villa prova subito la carta del rientrante Toffali, 8-14. 

PALEARI ACCENDE I WILDCATS
Spazio anche per Paleari, l'asse capitano-professore partorisce il comodo appoggio per il meno 2, 12-14. Ancora il tandem Santolamazza-Paleari gestisce con saggezza il ritmo offensivo ora finalmente più gradito all'Urania, la schiacciata del capitano biancodorato fa impazzire il PalaIseo, 22-17 al 10'. Folli ed una difesa a zona velenosa generano il controbreak degli emiliani in apertura di secondo quarto, 24-23. 

OZZANO SORPASSA
Buon impatto di Riva che mette subito una tripla dall'angolo, Ozzano lotta con ferocia a rimbalzo d'attacco restando a contatto, 29-26 timbrato da Augusto. Alza la difesa la squadra di coach Grande, sciupa più di un possesso per superficialità l'attacco milanese, arriva il nuovo sorpasso ospite poco prima dell'intervallo, 33-34. 

COLPISCE DORDEI
Copione che non cambia dopo la pausa lunga, Urania accetta il ritmo sincopato degli emiliani, a bersaglio Mastrangelo e Dordei, 36-41. Padroni di casa che si aggrappano a Santolamazza ma la Sinermatic prende coraggio, 42-49 con tripla in transizione di Chiusolo. E' il momento più difficile della sfida per i Wildcats, il buzzer beater di Simoncelli è un segnale di speranza in un quarto di pura sofferenza, 49-55.

URANIA SI SPEGNE
Più reattive e rapide le mani degli ospiti che trovano il più 10 dopo le incursioni di Folli, 51-61. Si scatena Ranocchi che mette tre triple filate che di fatto fanno volare via Ozzano, 56-72. Urania cerca con cuore, ma con poca lucidità, di rientrare, mentre esce per falli Piunti sul meno 12, 62-74. Ozzano gestisce con grande efficacia il finale senza mai realmente rischiare, 73-83.